Lunedì, Settembre 27, 2021
   
Text Size

RICORDO DELLE FOIBE, L'ESODO DEI MIEI

Istria Oggi

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Spettacolo Teatrale

MILI MUOI – L’esodo dei miei
di e con Carlo Colombo

17 febbraio 2021 on-line per UNIVERSITA' CA' FOSCARI

L’Università Ca’ Foscari in occasione del Giorno del Ricordo 2021 presenta una serie di appuntamenti, per ricordare la tragedia delle foibe e la complessa storia del confine orientale d’Italia.

In particolare quest’anno la programmazione dell’ateneo cafoscarino propone uno Spettacolo di teatro canzone dal titolo Mili muoi, l’esodo dei miei, tre puntate radio su Radio Ca’ Foscari ed un webinar.

Lo spettacolo "Mili muoi, l’esodo dei miei" verrà messo in scena all’ Auditorium Santa Margherita e verrà trasmesso on line mercoledì 17 febbraio, con una "proiezione" mattutina alle ore 11.30 dedicata alle scuole e una serale alle ore 20.00; canale youtube dell’Università Ca’ Foscari Venezia

Gli appuntamenti, che si svolgeranno online, inizieranno giovedì 11 febbraio con la rassegna radiofonica “I martedì e i giovedì del ricordo on air”: tre incontri su Radio Ca’ Foscari alle ore 17.30, in cui docenti dell'Ateneo e studiosi rifletteranno insieme sui temi legati a questa importante commemorazione. In accompagnamento le musiche di Carlo Colombo.

Carlo Colombo con questo spettacolo teatrale sull'esodo giuliano-dalmata porterà in scena un momento storico poco raccontato e vissuto direttamente dalla sua famiglia

Racconterà storie di fughe via mare e via terra, testimonianze dirette acquisite sin dall’infanzia dai suoi nonni.

lo farà anche accompagnandosi da diversi strumenti cantando canzoni d’epoca e canzoni originali che sta scrivendo appositamente per questo spettacolo.

“L'idea di scrivere questo spettacolo mi è stata data dalla mia agente Luisa Trevisi - racconta Carlo Colombo - è sua intenzione portare questo spettacolo anche nelle scuole per avvicinare gli studenti ad una nostra storia recente e poco conosciuta.”

Questo è un lavoro iniziato già da tempo con la raccolta del materiale necessario alla drammaturgia, attraverso lo studio di numerosi testi storici e grazie alle testimonianze avute sia nell'infanzia che in tempi recenti.

 

Un grande lavoro è stata la scrittura di musica originale e il recupero di canzoni che Carlo Colombo sentiva da bambino, alcune difficilmente reperibili e da lui adattate al suo stile musicale.

Informazioni Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


CARLO COLOMBO – AUTORE E PROTAGONISTA

Musicista autore e pianista trevigiano, classe 1970, si avvicina al pianoforte all'età di quattordici anni iniziando lo studio della musica classica.

Verso la fine degli anni 80 inizia con delle formazioni rock come tastierista e fonda nel 1989 l'H.S.H. band, formazione di rock sperimentale con la quale vince il primo premio al festival del video indipendente di Monza, sez. Videoclip, con il brano "Televideo".

Per un anno è stato pianista del duo di cabaret "Caffè Sconcerto" che lo ha portato in giro per l’Italia in svariati spettacoli. Parallelamente al rock sperimentale e al cabaret, Colombo continua lo studio del pianoforte e si avvicina al jazz grazie ad una borsa di studio vinta nel 1992 che lo porta ad una full-immersion di quattro mesi studiando con musicisti jazz di livello mondiale quali Harold Danko, Mark Egan, Vic Juris, Maurizio Caldura, Ares Tavolazzi, Bruno Cesselli ed altri.

Alla fine dei 90 inizia la carriera di autore, pubblica cinque cd e vince nel 2003 la "Gondola d’argento" a Venezia con il brano "L’intellettuale ad agosto".

Oggi oltre al progetto swing italiano d’autore, collabora come pianista e compositore in diverse formazioni che spaziano dallo swing alla musica elettronica, pop ed altro.

Dal 2013 al 2015 è direttore ed arrangiatore della "Portobuffolè Swing Orchestra".

Con il marchio "Officine Golob" produce nel suo studio colonne sonore e sonorizzazioni.

Il suo catalogo musiche è presente in numerosi portali di sonorizzazioni: Pond5, Getty Images Music, Crucialmusic, Intervox, ecc.

Nel 2015 entra nel team compositori della "Pong Ping", libreria finlandese di musiche interattive per videogiochi.

Nello stesso anno compone le musiche e sound design per il gioco per visore oculus Vrasteroid prodotto dalla Spinvector Spa, per la stessa azienda cura il sound design per l'installazione "Torre San Mauro" a San Mauro Forte-MT.

Dal 2016 entra a far parte del team sviluppo videogiochi"Bat Meeting" come creativo, compositore e sound designer.

Nel 2018 due canzoni tratte dall'album "Vai" sono inserite nella colonna sonora di due film americani: "Pizza siciliana" nel film "The Honor list" di Elissa Down e "Din don dan" nel film "Book club" di Bill Holderman con Diane Keaton e Jane Fonda.

Nel 2020 compone le musiche originali per lo spettacolo Sopravvivere agli anni ’20 in cui è anche attore e musicista.

LUISA TREVISI – CO-PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE

Sono un Artist Manager e un’organizzatrice di eventi

Mi occupo della visibilità dei “miei” artisti, curando le strategie di promozione dei prodotti artistici, ovvero organizzando letture, concerti e spettacoli, pianificando la pubblicizzazione soprattutto tramite i social network e promuovendo l’artista nei confronti degli interlocutori interessati

Intrattengo infatti i rapporti e rappresento l’artista nei confronti delle organizzazioni che operano nel settore della distribuzione artistica, quali operatori della pubblica amministrazione, organizzatori di Festival ed eventi, direttori artistici di rassegne ecc…

Rappresentando e occupandomi trasversalmente delle carriere degli artisti, sono una figura che gode della loro fiducia e che sa guadagnarsi quella dei potenziali clienti grazie alla qualità che contraddistingue la mia offerta artistica.

Organizzo anche eventi e, nel farlo, sono in grado di mantenere e coordinare reti di relazioni complesse e organizzare una comunicazione efficace e mirata in funzione di un’idea o di un’iniziativa specifica.

Al mio attivo più di 400 eventi organizzati, in scuole, sale consiliari, case di riposo, biblioteche, piazze, teatri, navi e spiagge tropicali.

MARCO ARTUSI - REGIA

Attore, regista e formatore teatrale.

Inizia il proprio percorso artistico con la danza, studiando sia la forma classica che quelle più contemporanee e lavorando in seguito con diverse compagnie: Compagnia Comini, compagnia ErAcquario, Tanzprojekt di München.

Nel contempo si avvicina al teatro interpretando parti in maschera di commedia dell’arte in cui può mettere a frutto le proprie abilità acrobatiche.

Nel 1989 viene ammesso alla scuola di Teatro dello Stabile di Genova dove si diploma nel ‘92.

Partecipa ai saggi di fine anno per le regie di Annalaura Messeri.

Dal 1992 collabora come attore con la compagnia “La Piccionaia – I Carrara” di Vicenza (con registi come Armando Carrara, Marcello Bartoli, Enrico Bonavera, Mirko Artuso, Tonino Conte, Antonella Cirigliano, Flavio Albanese, Ketty Grunchi, Maril Van Den Broek).

La struttura e la storia della compagnia vicentina, sorta attorno alla famiglia d’arte, gli permettono di mettersi alla prova in innumerevoli messinscene e in diversi ruoli, e in seguito di proporre anche proprie regie soprattutto nell’ambito del teatro ragazzi (Barbablù, Un aquilone Viola, L’impaziente Orlando, Arrabbiati).

Segue laboratori di formazione e approfondimento del mestiere dell’attore con diversi docenti fra cui: Yoshi Oida, Antonella Cirigliano, Enrico Bonavera, Mirko Artuso e per il clown con Maril Van Den Broek.

Sua la regia de "La seconda sorella" su testo di F. Bertozzi che vince il premio Palcoscenico 2004 di Bassano Operaestate 2004.

Dal 2002 collabora, con l’incarico di regista e direttore artistico, con il gruppo sloveno di teatrodanza "Skysma" col quale nel 2005 vince il premio Župančič con lo spettacolo “Pogon”.

Nel 2014 fonda assieme ad altri suoi colleghi “Matàz teatro” per il quale firma la regia de “Le allegre comari”.

Nel 2013 lo spettacolo “Corpo in affitto”, di cui cura la regia, è finalista al premio Off del Teatro Stabile del Veneto.

È aiuto regia di Natalino Balasso ne “La cativìssima” produzione Teatro Stabile del Veneto 2015.

Affianca all'attività di palcoscenico anche quella d’insegnante di teatro ed educatore teatrale nelle scuole. Come educatore teatrale ha lavorato anche nel carcere di Vicenza.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

http://www.luisatrevisi.com/

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.