Domenica, Agosto 18, 2019
   
Text Size

Pianeta Oggi News

RDE RADIO DIFFUSIONE EUROPEA AM - OPEN SPACE

DA TRIESTE LUNGO MARE ALCUNE SEQUENZE IMPORTANTI DELLA LUNGA NON STOP DI RDE IN OCCASIONE DELL'INCONTRO DI TUTTI GLI STORICI CONDUTTORI RADIO TELEVISIVI DELLE RTV LOCALI E NON SOLO...

IN COLLEGAMENTO TELEFONICO ANDRO MERKU'

CONDUCE GRAZIANO D'ANDREA

PARTE TECNICA MAURIZIO CASTELLI

RDE AM 1584 KHZ / 819 KHZ ALTO ADRIATICO

 

FLASH: JESOLO

RITROVATO IL CORPO DEL GIOVANE DI 23 ANNI SCOMPARSO IERI POMERIGGIO IN MARE A JESOLO DOPO UN TUFFO.

 

FLASH: JESOLO, GIOVANE DISPERSO IN MARE

LE RICERCHE PROSEGUIRANNO DOMANI MATTINA.

 

PIANETA OGGI REPORTER

 TS 11/08/2019

ENORME SUCCESSO LA NON STOP DI RADIO DIFFUSIONE EUROPEA IN DIRETTA DAL LUNGO MARE DI TRIESTE A DUE PASSI DA PIAZZA UNITA' CON ALTI ASCOLTI IN ONDE MEDIA E DAL WEB, SODDISFAZIONI ESPRESSE DAI CONDUTTORI E FONDATORI DI QUESTO NUOVISSIMO PROGETTO MEDIATICO GRAZIANO D'ANDREA E MAURIZIO CASTELLI, I QUALI RINGRAZIANO TUTTI GLI ASCOLTATORI. 

PRESENTI ANCHE PROFESSIONISTI DEL MONDO DELLE RADIO TV LOCALI E NON SOLO. LE TANTE IDEE - ENERGIE, PERSE PER STRADA IN QUESTI ANNI.. OGGI RICOMPOSTE QUI' A TRIESTE ATTE PER UN GRANDE PROGETTO ALTERNATIVO RADIOFONICO IN ONDE MEDIA, CON SPAZI ANCHE DALLA TOSCANA.

www.radiodiffusioneeuropea.net

 RDE AM 1584 KHZ ALTO ADRIATICO RAVENNA S.MARINO,

 AM 819 KHZ FVG E VENETO ORIENTALE

PROGRAMMA IN ONDA IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO RTV, DTT / AM / FM / WEB, INTERREGIONALE

PRESENTA GRAZIANO D'ANDREA

 

   

IN DIRETTA CON R.D.E. DIFFUSIONE EUROPEA

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

TS 11/08/2019

ENORME SUCCESSO LA NON STOP DI RADIO DIFFUSIONE EUROPEA IN DIRETTA DAL LUNGO MARE DI TRIESTE A DUE PASSI DA PIAZZA UNITA' CON ALTI ASCOLTI IN ONDE MEDIA E DAL WEB, SODDISFAZIONI ESPRESSE DAI CONDUTTORI E FONDATORI DI QUESTO NUOVISSIMO PROGETTO MEDIATICO GRAZIANO D'ANDREA E MAURIZIO CASTELLI, I QUALI RINGRAZIANO TUTTI GLI ASCOLTATORI. 

PRESENTI ANCHE PROFESSIONISTI DEL MONDO DELLE RADIO TV LOCALI E NON SOLO. LE TANTE IDEE - ENERGIE, PERSE PER STRADA IN QUESTI ANNI.. OGGI RICOMPOSTE QUI' A TRIESTE ATTE PER UN GRANDE PROGETTO ALTERNATIVO RADIOFONICO, CON SPAZI ANCHE DALLA TOSCANA.

www.radiodiffusioneeuropea.net

 RDE AM 1584 KHZ ALTO ADRIATICO RAVENNA S.MARINO,

 AM 819 KHZ FVG E VENETO ORIENTALE.

   

ONDA RADIO - ALLNEWS

 

NUOVO PROGETTO MEDIATICO DIGITALE, MUSICA E INFORMAZIONE CON COLLABORAZIONI VARIE RTV,

www.ondaradio.net

MUSICA E INFO 24h

CON R.D.E. DIFFUSIONE EUROPEA AM GROUP

SPAZI INFORMATIVI ANCHE DALLA REGIONE TOSCANA E TELEIDEA TV REGIONALE FREQ. 190

 

   

ONDA RADIO - ALLNEWS

NUOVO PROGETTO MEDIATICO DIGITALE, MUSICA E INFORMAZIONE CON COLLABORAZIONI VARIE RTV,

 

www.ondaradio.net

 

MUSICA E INFO 24h

   

LA FRECCIA SECONDA PARTE

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Etiopia: Lucy è rimasta senza i diamanti

di Margherita Furlan

In Etiopia, culla dell’umanità, nell’Afar Triangle, il 24 novembre 1974, il paleoantropologo Donald Johanson scoprì lo scheletro più completo di un antenato umano antico, un australopiteco di oltre 3,2 milioni di anni. La sera stessa aveva già un nome, Lucy, suggerito dalle note di “Lucy in the sky with diamonds” dei Beatles. In Etiopia il reperto è invece conosciuto come Dinqinesh, che in lingua amharica significa "sei meravigliosa". Dal 2007 lo scheletro fossile e i reperti a esso associati furono esposti negli Stati Uniti in una mostra intitolata “L'eredità di Lucy: i tesori nascosti dell’Etiopia". Lucy fu riportata in Etiopia da Barack Obama solo nel 2013, quando l’Impero d’Occidente, già in decadenza, decise d’investire lì, nel cuore del Corno d’Africa.

Sviluppo sostenibile?

Oggi l’Etiopia ospita una popolazione stimata in circa 110 milioni di abitanti - il 60% sotto i 25 anni - divisi in più di 80 tribù e da 90 lingue differenti. Le continue rivalità tra le etnie fanno dell’Etiopia il Paese con il più alto numero di rifugiati interni al mondo, 3 milioni di persone - un fenomeno che supera persino la realtà siriana, secondo i dati dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (OCHA). Attualmente sono 8,13 milioni le persone nel Paese del Corno d’Africa che necessitano di aiuti alimentari, mentre 10,5 milioni di etiopi sono privi dell'accesso all’acqua potabile. Nel 2015 il FMI decise la grande svolta, inserendo l’Etiopia nella lista delle cinque economie con i tassi di crescita più elevati al mondo e permettendo così al governo di Addis Abeba di varare il piano quinquennale 2016-2020 attualmente in vigore, il Growth and Transformation Plan (GTP II), che da priorità alle esportazioni della manifattura, in particolare agro-industria e tessile, e all’infrastrutturazione, produzione e distribuzione di energia da fonti diversificate. Tuttavia, il PIL del Paese, nonostante la crescita tra il 2005 e il 2016 a tassi medi annui di oltre il 10%, oggi sfiora i soli 783 $ pro capite. Dato l’alto tasso di povertà delle aree rurali, attraversate oggi da un modello non inclusivo di agricoltura fondato su coltivazioni commerciali di vasta scala e sottoposto a pressioni insostenibili per un territorio molto vulnerabile, la crescita demografica si associa al fenomeno dell’urbanizzazione, alimentando marginalizzazione, discriminazioni e tensioni.

Dal nuovo schiavismo allo sfruttamento minorile

L'integrazione dell’Etiopia nell’economia mondiale sta passando soprattutto per la transizione da un rapporto privilegiato con l'Europa a relazioni sempre più strette con l'Asia (in particolare con la Cina) e, anche se solo in parte, con gli altri Paesi africani.

Leggi tutto: LA FRECCIA SECONDA PARTE

   

LA FRECCIA

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Gli interessi dell’Italia nel grande inganno della diga più grande d’Africa

di Margherita Furlan

Dopo un lungo volo notturno, gli occhi ancora impastati di sonno e il fiato corto di chi si deve abituare ai 2.500 metri di altitudine di Addis Abeba, la procedura per ottenere il visto si fa farraginosa. Nell’attesa in aeroporto, passando da una scrivania a un’altra, fa capolino una pila di libricini tascabili dal titolo quanto mai altisonante: “The Ethiopian Human Rights Landscape in the Context of Right-Based Approach to Development” (Il panorama dei diritti umani in Etiopia nel contesto di un approccio allo sviluppo basato sui diritti). Incuriosita, mi ridesto dal torpore e inizio a leggere le 166 pagine della pubblicazione, scritte in un inglese forbito e a tratti ricco di enfasi. Sono sufficienti le prime parole per capire il tono del libercolo: “Lanciare contro l’Etiopia accuse di sistematiche violazioni dei diritti umani è oramai un tratto distintivo del minestrone composto da fin troppo zelanti Ong e dai think tank internazionali”, che vorrebbero ostinatamente rendere lo Stato subalterno al libero mercato. Gravissimo errore, ci ammoniscono gli autori, perché proprio l’interventismo statale sarebbe fonte di benefici per l’intera popolazione etiopica. Le cifre degli indicatori di sviluppo starebbero a dimostrarlo. Ma le cifre, spesso, non dicono tutto. Tantomeno la verità. Intanto, tra giovani donne etiopi che con umiltà e riverenza osservano le movenze delle persone bianche come venissero da un'altro pianeta, il tempo passa. Forse non c’è tanta voglia di far gironzolare in Etiopia giornalisti stranieri. Tutto sommato perché questa cocciutaggine nel voler andare a visitare la valle dell’Omo?

Leggi tutto: LA FRECCIA

   

VILE ATTENTATO AL TRENO ITALICUS

ERA LA NOTTE TRA IL 3 - 4 AGOSTO 1974 S.BENEDETTO V.S.

MORIRORNO 12 PERSONE E 48 FERITI.

 

   

RICORRENZA STRAGE ALLA STAZIONE DI BOLOGNA 02/08/1980 85 MORTI E 200 FERITI INNOCENTI

ARCHIVO 2018

DA BOLOGNA IMMAGINI CON LE INTERVISTE DI PAOLO BOLOGNESI PRESIDENTE ASSOCIAZIONE PARENTI DELLE VITTIME, LA DICHIARAZIONE DI ROBERTO FICO PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI AL NOSTRO MICROFONO.

DA SAN BENEDETTO V.S. INCONTRO CON IL SINDACO ALESSANDRO SANTONI CON LE IMMAGINI DAL PIAZZALE A POCHI METRI DALLA STRAGE DEL TRENO ITALICUS (NOTTE DEL 3  AGOSTO 1974)  E RAPIDO 904 (23 DICEMBRE 1984)

IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO CTV PIANETA OGGI TV.

   

PIANETA OGGI REPORTER

INTERVISTA AL NOTO GIORNALISTA TITO STAGNO IN OCCASIONE DEL PREMIO SPECIALE ALLA CARRIERA CITTA' DI CAORLE, ABBINATO AL PREMIO GIORNALISTICO PAPA ERNEST HEMINGWAY.

PROGRAMMA IN COLLABORAZIONE CON IL CTV PIANETA OGGI.

TELEIDEA TG: https://www.facebook.com/Teleideasrl/videos/658425991322256/UzpfSTEzNTM2NzU1NjQ6MTAyMTQ2NDE5OTQ0Mjc1NTg/

 

SI RINGRAZIA PER LA COLLABORAZIONE ROBERTO VITALE PRESIDENTE VITALE ONLUS www.premiopapa.it

LORENZO JOSA PER LA COLLABORAZIONE A QUESTA TRASMISSIONE.

   

TITO STAGNO A PIANETA OGGI TV, PROSSIMAMENTE...

IN COLLABORAZIONE CON IL CTV PIANETA OGGI

 

   

PIANETA OGGI REPORTER

TEMATICHE: ANTIMAFIA E TUTELA DELL'AMBIENTE

INTERVISTE A: DA PALERMO AL PM ANTONINO DI MATTEO IN OCCASIONE DELLE RICORRENZE STRAGI CAPACI E VIA D'AMELIO, A SEGUIRE IL MINISTRO ALFONSO BONAFEDE

DA VENEZIA (LAGUNA) INTERVISTA A MONICA SAMBO CAPOGRUPPO PD VENEZIA.

PROGRAMMA SETTIMANALE IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCUITO CTV PIANETA OGGI DDT/WEB RST/FM/AM CON RADIO DIFFUSIONE EUROPEA AM 1584 KHZ

SI RINGRAZIA PER LA COLLABORAZIONE IL DOTT. PINO SARTORI DELL'ASSOCIAZIONE LA SALSOLA.

   

NEWS FLASH

MORTO SAVERIO BORRELLI CAPO DEL POOL MANI PULITE.

   

STRAGE DI BOLOGNA, BOLOGNESI: "CAPITOLO STRAGI NON ANCORA CHIUSO. BASTA SEGRETI"

 

di AMDuemila
L'appello del presidente dell’Associazione dei familiari delle vittime del 2 Agosto

“La partita decisiva sarà presto nelle mani del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Da lui dipende la reale desecretazione degli atti relativi alle stragi”. Sono queste le parole del presidente dell’Associazione dei familiari delle vittime del 2 Agosto, Paolo Bolognesi, a quasi un anno dagli impegni assunti in piazza delle Medaglie d’Oro dal ministro della giustizia Alfonso Bonafede, e dal presidente della Camera Roberto Fico, riguardo la desecretazione degli atti riguardo le stragi. A "La Repubblica Bologna" Bolognesi, senza esprimere un giudizio riguardo l’azione del governo, ha evidenziato come “alcuni passaggi sono stati fatti sul fronte dell’iter”. Senza dimenticare che siamo “nella fase decisiva, per sciogliere i nodi per rendere la direttiva Renzi pienamente efficace”.
La proposta dell’ex presidente del Consiglio è stata discussa della commissione di cui fanno parte il governo, gli archivi di Stato e i servizi segreti. Infatti, in passato quest’organo ha scelto una “fascia” di documenti che possono essere desecretati con limiti ben precisi. Però, molte richieste delle associazioni delle vittime sono fuori da questi parametri. Nei giorni scorsi, Vito Crimi del M5S, incaricato per conto del governo di seguire la vicenda, ha preso atto dei paletti che sono emersi e ha annunciato un’informativa a Conte, chiamato a commissione di cui fanno parte il governo, gli archivi di Stato e i servizi segreti. O capire meglio quali altri documenti possono essere desecretati. Su questo, Bolognesi si è detto “fiducioso”.
Per quanto riguarda l’impegno del governo nel digitalizzare gli atti, il presidente ha detto che “ci sono 200 mila euro all’anno, per i prossimi tre anni, per finanziare i progetti di digitalizzazione. Milano, Firenze e Roma (per il caso Moro) hanno già fatto richiesta. Noi abbiamo stabilito le priorità. Per primi saranno digitalizzati i registri dei tribunali, poi le sentenze, creando una via preferenziale per quegli atti cartacei che si stanno deteriorando”. I passi avanti sono stati fatti anche riguardo i risarcimenti alle vittime delle stragi, compreso anche l’estero. Su questo si stanno aspettando le stime che il ministero del Lavoro farà assieme all’Inps. Secondo Bolognesi la speranza che già “nella prossima finanziaria si possano cominciare a prevedere dei capitoli di bilancio”. “Prendiamo atto che alcune cose sono state fatte, se si concretizzeranno lo vedremo nei prossimi mesi - ha concluso - Il capitolo della verità sulle stragi nel nostro Paese non è ancora stato chiuso, tutt’altro. Per la prima volta c’è un’inchiesta sui mandanti. Un’indagine per nulla facile e scomoda, fastidiosa per molti e non solo in Italia. Il timore è che, come in parte sta accadendo, si tenterà di tutto pur di avvelenare le indagini. Di recente affiorano preoccupanti tentativi di depistaggio mediatico. Non è una novità assoluta, ed è per questo che le associazioni e quanti vogliono la verità, devono continuare a vigilare”.Foto © Imagoeconomica

 

   

IN DIRETTA CON R.D.E. DIFFUSIONE EUROPEA

 

OGNI VENERDI' SERA ALLE ORE 21.00 DIRETTA OPEN SPACE DALLE FREQUENZE IN ONDE MEDIE DI RADIO DIFFUSIONE EUROPEA,

IN STUDIO GRAZIANO D'ANDREA CON MAURIZIO CASTELLI, IN COLLABORAZIONE CON RST RADIO SAIUZ DI TREVISO.

OSPITI E COLLEGAMENTI IN DIRETTA DALL'ITALIA.

 RICEZIONE R.D.E. AM 1584 / 819 KHZ  PER L'ALTO ADRIATICO.

www.radiodiffusioneeuropea.net

 

   

R.D.E. RADIO DIFFUSIONE EUROPEA INFO

 

OGNI VENERDI' SERA ALLE ORE 21.00 DIRETTA OPEN SPACE DALLE FREQUENZE IN ONDE MEDIE DI RADIO DIFFUSIONE EUROPEA,

IN STUDIO GRAZIANO D'ANDREA CON MAURIZIO CASTELLI, IN COLLABORAZIONE CON RST RADIO SAIUZ DI TREVISO.

OSPITI E COLLEGAMENTI IN DIRETTA DALL'ITALIA.

 RICEZIONE R.D.E. AM 1584 / 819 KHZ  PER L'ALTO ADRIATICO.

www.radiodiffusioneeuropea.net

 

   

Pagina 1 di 36

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.