Mercoledì, Maggio 22, 2019
   
Text Size

Area Locale

MONTEPULCIANO INFO

 

La “Pia de’ Tolomei” festeggia gli 80 anni del Bruscello Poliziano

Presso gli ex-macelli di Montepulciano è stata svelata l’anteprima dell’ottantesimo Bruscello a cura della Compagnia Popolare

Montepulciano – La Compagnia Popolare del Bruscello è pronta a festeggiare i suoi primi ottant’anni all’insegna della passione e della tradizione del teatro popolare, con la nuova rappresentazione della “Pia de’ Tolomei” che verrà messa in scena in Piazza Grande a Montepulciano dall’11 al 15 agosto. Quella che si è svolta agli ex-macelli la scorsa domenica 19 maggio è stata un’anteprima dell’appuntamento che ci aspetta nei giorni di Ferragosto e che coinvolge ormai decine di bruscellanti da tutto il territorio.

Sul palco degli ex-macelli è salito il nuovo consiglio direttivo della compagnia, che ha presentato al pubblico le caratteristiche dell’edizione 2019 del Bruscello Poliziano. Grande soddisfazione nelle parole del presidente Marco Giannotti:

“La nostra è una compagnia giovane, nonostante gli ottanta anni, che pensa al futuro e al ricambio generazionale. Nel 1939 la prima rappresentazione del Bruscello sul sagrato venne effettuata per raccogliere fondi per il completamento della facciata del duomo. Da allora quest’ultima idea è stata abbandonata, mentre il Bruscello è andato avanti e festeggia i suoi primi 80 anni.”

“Prendere il Bruscello dalla campagna e portarlo in piazza, con un palco di 36 metri e 200 persone in scena, fu una grossa avanguardia per l’epoca. – ha dichiarato il direttore artistico Franco Romani – Per qualche anno non c’è stata evoluzione, come se si dovesse rimanere fedeli al Bruscello del 1939, quando esso stesso rappresentava già una bella differenza con la rappresentazione di origine contadina. E proprio dal 2009 il Bruscello ha avuto una grande evoluzione, presentando caratteristiche artistiche più adeguate al pubblico moderno.”

All’anteprima hanno inoltre partecipato il regista Marco Mosconi, la coreografa Maria Stella Poggioni, l’autrice del libretto Irene Tofanini e il compositore musicale Luciano Garosi, che ha dedicato la partitura a Emanuela Bacci, bruscellante di Chiusi recentemente scomparsa. Dopo aver svelato l’immagine del manifesto, realizzata da Emanuela Rossi, i bruscellanti hanno ripercorso alcune arie della composizione originale della “Pia de’ Tolomei” e la parte conclusiva del nuovo libretto, realizzato nel 2009.

 

Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano

Via delle Lettere 4, 53045 Montepulciano (SI)

Tel. 0578758529

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.bruscello.it

 

Ufficio Stampa: Valdichiana Media

Tel. +39 349  8358841 (Valentina)

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.valdichianamedia.com

 
 
 
 
 


Ufficio Stampa
Valdichiana Media srl 
Piazza Nazioni Unite, 10 - 53049 Torrita di Siena (SI)

 

 

 

ASSOCIAZIONE PROPOSITIVO INFO: LA CRISI IN VENEZUELA RACCONTATA DA INTERNAZIONALE

 

Giovedì 23 al Santa Chiara Lab, ci sarà la proiezione del documentario“El país roto”, un racconto sulla quotidianità in Venezuela di governativi e oppositori

La crisi in Venezuela sarà al centro del secondo appuntamento senese con Mondovisioni, la rassegna di documentari della rivista Internazionale che propone uno sguardo approfondito su attualità, diritti umani e informazione.

Giovedì 23 maggio alle 18.30 nell’aula Meeting del Santa Chiara Lab (via Valdimontone, 1),  sarà proiettato “El país roto” di Melissa Silva Franco, che racconta le storie intrecciate di governativi e oppositori durante la perdurante crisi venezuelana. Dopo la proiezione ci sarà un dibattito con esperti di politica internazionale e del Venezuela.

Mondovisioni, che è curata da Cineagenzia, poi proseguirà con altre tre proiezioni tra il mese di maggio e quello di giugno.

La rassegna, presentata in anteprima al festival di Internazionale di Ferrara e proposta poi in altre città d’Italia, è organizzata a Siena dall’associazione Pro +.

I posti per assistere alla proiezione sono limitati, pertanto è consigliata la prenotazione al seguente link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-el-pais-roto-la-crisi-in-venezuela-raccontata-da-internazionale-62049333226?aff=eand

EL PAÍS ROTO (Melissa Silva Franco)
Il 30 marzo 2017 il Venezuela si è svegliato con un parlamento senza più poteri. È il primo passo di uno scontro violento tra governo e opposizione che dalle aule dell’Assemblea nazionale si è spostato subito nelle strade del paese, causando molte vittime soprattutto tra chi contesta il presidente Nicolás Maduro. Attraverso le storie intrecciate di attivisti di entrambi gli schieramenti, il documentario mostra la vita quotidiana dei venezuelani nel mezzo di una grave crisi politica ed economica.

 

--

Associazione Propositivo

 

Via del Refe Nero 13, 53100 Siena

 

 

DAL TG DI TELEIDEA

TELEIDEA TV REGIONALE CANALE 190

Firmato in Regione Toscana l'accordo che consente alla ditta di ultimare i lavori per la riapertura e ai lavorati di non restare senza stipendio.

 

 

DAL TG DI TELEIDEA

SERVIZIO DA MONTEPULCIANO:

Montepulciano 64^ mostgra dell'artigianato ARTE E ARTI in fortezza

 

DAL TG DI TELEIDEA

 

 

RCS RADIO CHIOGGIA SOTTOMARINA INFO

PROGRAMMAZIONE IN DIRETTA DA CHIOGGIA SOTTOMARINA FM 98.00 MHZ STEREO SISTEMA RDS (41 ANNI)

www.radiochioggia.it

 

 

   
   
   

VIVI FORTEZZA INFO

 

Dal pop di qualità al rap, svelati i primi nomi di Vivi Fortezza 2019

Sono Dimartino, Sorgentone, Canzoniere Grecanico Salentino e Frankie Hi-nrg mc i primi ospiti musicali di Vivi Fortezza 2019

Dimartino, Antonio Sorgentone, Canzoniere Grecanico Salentino e Frankie Hi-nrg mc saranno i primi ospiti musicali di Vivi Fortezza 2019. Quattro visioni differenti delle sette note, un’unica location, la Fortezza Medicea di Siena.

Antonio Dimartino, uno dei principali esponenti di un certo pop d’autore all’italiana, salirà sul main stage del piazzale di Fortezza venerdì 7 giugno. Il giorno dopo, sabato 8, sarà la volta di Antonio Sorgentone, l’estroso pianista che ha vinto l’edizione 2019 di “Italia’s Got Talent“.

Venerdì 14 saranno i ritmi incalzanti e le melodie sinuose del Canzoniere Grecanico Salentino a invadere allegramente il main stage di Vivi Fortezza 2019.

Il venerdì successivo, il 21 giugno, Frankie Hi-nrg mc sciorinerà rime e beat dall’alto della sua esperienza nel mondo hip-hop. Prima del concerto, in collaborazione con Mondadori Siena, presenterà il suo libro “Faccio la mia cosa”.

Questi quattro eventi, programmati tutti per le 22.30, rientrano nell’ambito di una delle sei rassegne su cui si basa Vivi Fortezza 2019, quella concernente la musica. Le altre cinque riguardano arte&cultura, sport&wellness, food&fiere, bambini e cinema.

Vivi Fortezza 2019, che si svolgerà dal 4 giugno al 30 settembre, sarà un modo per valorizzare l’area nel suo complesso. Oltre allo spazio principale del piazzale interno, tanti appuntamenti prenderanno vita sotto il loggiato, sui viali e sul bastione San Domenico. L’obiettivo è di far diventare la Fortezza Medicea un polo di svago e di relax per i fruitori di tutte le età. Il programma è realizzato dall’associazione Propositivo (Pro +) in collaborazione con tante realtà del panorama culturale, musicale e sportivo sia nazionale che del territorio. Il progetto di rilancio del complesso come location di appuntamenti aperti a tutta la cittadinanza e non solo è stato voluto dall’assessorato al Turismo del Comune di Siena.

Durante Vivi Fortezza 2019 saranno presenti punti di somministrazione bevande e di ristoro in grado di accogliere le persone che vorranno vivere il complesso.

I biglietti per i concerti di Dimartino, Sorgentone, Canzoniere Grecanico Salentino e Frankie Hi-nrg mc sono disponibili in prevendita su Ticket One (www.ticketone.it) e sarà possibile acquistarli anche in Fortezza il giorno del concerto (prezzo 12 euro).

DIMARTINO

È un cantante e autore di canzoni siciliano. Attinge dai capisaldi della canzone d'autore per rielaborarla in modo moderno e ricercatissimo. Ha composto quattro album, di cui l’ultimo, “Afrodite”, è uscito a gennaio di quest’anno. Nel 2017 pubblica a 4 mani con Fabrizio Cammarata il libro “Un mondo raro” (Edizioni Nave di Teseo), dedicato alla cantante messicana Chavela Vargas. Nello stesso periodo fa uscire anche un disco omonimo, che raccoglie le migliori canzoni di Chavela Vargas tradotte in italiano. Ha scritto brani per Arisa, Chiara Galiazzo, Malika Ayane, Dear Jack e altri interpreti italiani. Ha collaborato negli anni con Brunori Sas, Francesco Bianconi dei Baustelle e Cristina Donà.

ANTONIO SORGENTONE

È un cantante, pianista, considerato tra i migliori nel suo genere in Italia. Nel suo repertorio propone un mix di: 50's R'n'R, boogie woogie, brani originali e classici swing italiani di grandi del passato come Renato Carosone o Fred Buscaglione. Ha all'attivo "Let's boogie tonight", cd di soli brani originali prodotto dall'etichetta romana Micca records, e "Burlesque Christmas", cd di classici natalizi, riarrangiati. Nel 2019 vince la decima edizione di Italia’s Got Talent.

CANZONIERE GRECANICO SALENTINO

Il Canzoniere Grecanico Salentino viene fondato nel 1975 dalla scrittrice Rina Durante per far conoscere la tradizione popolare salentina della taranta. Guidato dal tamburellista e violinista Mauro Durante, che eredita la guida dal padre Daniele nel 2007, il Canzoniere Grecanico Salentino collabora con artisti del calibro di Ludovico Einaudi, Piers Faccini, Ballake Sissoko, Ibrahim Maalouf, Fanfara Tirana, Stewart Copeland dei Police. L’ultimo album del gruppo, “Canzoniere” del 2017, è una fusione di stili e influenze in cui gli strumenti della tradizione salentina si prestano a un sound più moderno e contemporaneo, tra incursioni di chitarra elettrica e synth bass.

FRANKIE HI-NRG MC

Nato a Torino nel 1969, è un rapper, autore e compositore. Ha anche maturato anche esperienze come fotografo e videomaker. Ha all'attivo sei album, l’ultimo dei quali, “Essere umani”, è uscito nel 2014. Ha scritto ed eseguito brani per artisti del calibro di Fiorella Mannoia, Raf, Mimmo Locasciulli e in ambito internazionale con RZA (Wu-Tang Clan) e Nas. Ha collaborato con artisti teatrali come Vittorio Gassman, Franca Valeri, Arnoldo Foà, Paola Cortellesi e nell'ambito della musica contemporanea si è esibito con il M°Alvin Curran ed il M° Fredric Rzewski. Ha scritto e diretto videoclip, ha condotto programmi televisivi ed è comparso come attore in film per il cinema.

I PARTNER DI VIVI FORTEZZA 2019

Nuovo Cinema Pendola, Siena Jazz, Accademia Musicale Chigiana, Siena International Photo Award, la rivista Internazionale, Decathlon, Extempora, Mondadori Siena, Accademia del Fumetto.

Ufficio stampa Vivi Fortezza 2019

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

+39 3393524501

 

   

AGORA' PER LA DEMOCRAZIA

AGORA' sulla DEMOCRAZIA  

INCONTRI per INFORMARCI e DISCUTERE LIBERAMENTE

a partire da eventi storici

in Via Dante 9, a Ri-LIBRI, sede dei consumatori, 

(nei portici tra P.le Da Vinci e via Fusinato) 

              SABATO, ORE 17

Questo Sabato 18 maggio PALESTINA E ISRAELE. QUALE DEMOCRAZIA?

con Pina Fioretti, laureata in arabo, docente nelle scuole primarie a Venezia

 

sabato 25 maggio IL CAMMINO DELLA DEMOCRAZIA IN INDIA (Gandhi) 

con Massimo (Mao) Valpiana presidente naz. Movimento Nonviolento

 

sabato giugno  MANCANZA DI DEMOCRAZIA NEI PARTITI POLITICI ITALIANI 

con l'avv. Federica Corte-Coi di Conegliano

inoltre:   

QUALE FUTURO PER MESTRE?

ASSEMBLEA PUBBLICA  

Domenica 26 maggio ore 16

presso Centro culturale CITTA' APERTA

in via Col Moschin 20 ( 400 m da Fs, tra v.Sernaglia e Felisati)

continua l’ASSEMBLEA PUBBLICAdel 5 maggio

sulle 15 proposte per fare di Mestre una città giardino

(vedi inserto di Tera e Aqua 104 di aprile scorso)

 

   

ASSOCIAZIONE PROPOSITIVO SIENA INFO

 

Giovedì 23 al Santa Chiara Lab, ci sarà la proiezione del documentario“El país roto”, un racconto sulla quotidianità in Venezuela di governativi e oppositori

La crisi in Venezuela sarà al centro del secondo appuntamento senese con Mondovisioni, la rassegna di documentari della rivista Internazionale che propone uno sguardo approfondito su attualità, diritti umani e informazione.

Giovedì 23 maggio alle 18.30 nell’aula Meeting del Santa Chiara Lab (via Valdimontone, 1),  sarà proiettato “El país roto” di Melissa Silva Franco, che racconta le storie intrecciate di governativi e oppositori durante la perdurante crisi venezuelana. Dopo la proiezione ci sarà un dibattito con esperti di politica internazionale e del Venezuela.

Mondovisioni, che è curata da Cineagenzia, poi proseguirà con altre tre proiezioni tra il mese di maggio e quello di giugno.

La rassegna, presentata in anteprima al festival di Internazionale di Ferrara e proposta poi in altre città d’Italia, è organizzata a Siena dall’associazione Pro +.

I posti per assistere alla proiezione sono limitati, pertanto è consigliata la prenotazione al seguente link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-el-pais-roto-la-crisi-in-venezuela-raccontata-da-internazionale-62049333226?aff=eand

EL PAÍS ROTO (Melissa Silva Franco)
Il 30 marzo 2017 il Venezuela si è svegliato con un parlamento senza più poteri. È il primo passo di uno scontro violento tra governo e opposizione che dalle aule dell’Assemblea nazionale si è spostato subito nelle strade del paese, causando molte vittime soprattutto tra chi contesta il presidente Nicolás Maduro. Attraverso le storie intrecciate di attivisti di entrambi gli schieramenti, il documentario mostra la vita quotidiana dei venezuelani nel mezzo di una grave crisi politica ed economica.

 

--

Associazione Propositivo

 

Via del Refe Nero 13, 53100 Siena

 

   

PER MESTRE CITTA' GIARDINO DI MICHELE BOATO

PER MESTRE CITTA’ GIARDINOdi  Michele Boato  Ecoistituto del Veneto

Mestre ha una storia antichissima, Contesa nei secoli tra Treviso e Venezia, nel 1900 è decaduta a dormitorio delle nuove industrie di P.Marghera e assorbita nel 1936 nel Comune di Venezia. Nel secondo dopoguerra è stata oggetto di una spaventosa speculazione edilizia, che l’ha trasformata, da graziosa  cittadina murata, a periferia zeppa di anonimi palazzoni. L’azzeramento di Parco Ponci (con varie complicità pubbliche) ne è un triste esempio.

Il sacco di Mestre è continuato: interrato il ramo del Marzenego di via Poerio per far posto al traffico automobilistico, piazza Ferretto era diventata una camera a gas, in cui si “passeggiava” in mezzo ad un mare di tubi di scappamento.

Con le nostre “bici-festazioni”, che, all’arrivo, bloccavano l’accesso alle auto per vari sabati successivi, siamo riusciti a svegliare un Comune addormentato e a farla pedonalizzare grazie anche al sorprendente risultato del sondaggio giornalistico del quotidiano locale che finalmente dava un po’ di voce alla cittadinanza: 79% per la pedonalizzazione totale, 21% i contrari o chi la voleva pedonale solo di domenica. Era un primo passo per uscire dal disastro urbanistico, ma non è bastato. Ne è uno spaventoso esempio il “Mostro col buco” che (nonostante la durissima protesta di 7200 abitanti assieme ad Amico Albero) ha raso al suolo anche il piccolo ma preziosissimo Parco di via Pio X.

Ora sono cresciuti 7 Hotel-Carceri (senza un albero!) a 100 m dalla stazione a cui si aggiunge il pazzesco progetto (accordo Comune-GrandiStazioni) di altri due Hotel-condominio da oltre 90 metri , per soffocare la già invivibile area della stazione, occupando più di metà della striminzita piazzetta dei taxi!  E sul lato Marghera, sono in progetto altri 4 grattacieli e la cementificazione di buona parte del verde, abbandonato da decenni tra gli alveari della Cita e la stazione, dove da sempre è previsto il (mai realizzato) Parco di Marghera.

Si può invertire questa folle deriva?

Sì, ma solo se gli abitanti di Mestre e Marghera si scrollano la rassegnazione che, per esempio, ha permesso che il “Museo del 900 di Mestre e Marghera” diventi il quasi fallimentare M9, che nulla ha a che fare con la storia novecentesca della nostra città.

Da parte delle associazioni AmicoAlbero, Ecoistituto, Amici della bicicletta, Italia Nostra, Lipu, Movimento dei Consumatori, MestreMia e VeneziaCambia, sono state messe sul tavolo 16 concrete proposte, per fare di Mestre una Città Giardino: 

1 Una vera piazza della stazione di Mestre, che è la più importante del NordEst, usata da 85mila persone al giorno. Ma è la più congestionata e la meno funzionale per la mancanza di spazi pubblici: non si riesce a parcheggiare per accompagnare un parente al treno o aspettarlo; nelle ore di punta bisogna sgomitare per arrivare ai binari, hanno tolto le sale d’attesa e addirittura non c’è più una panchina: ci sono spesso giovani (e non) che aspettano i treni seduti per terra! I passeggeri sono considerati massa da far passare nei nuovi negozi.

La proposta: non diminuire i pochi spazi liberi, anzi, recuperarne altri per la sosta dei mezzi pubblici, revocando le recentissime concessioni gratuite di aree demaniali date agli hotel Bologna e Plaza, recintate e quasi sempre vuote,.

I nuovi edifici vanno ridotti o eliminati, ci sono già troppi alberghi nell’area stazione: va cancellata l’occupazione dello spazio antistante la Polizia (piazzetta taxi):

Le auto dalla Tangenziale vanno indirizzate sul lato Marghera, allontanate dall’area davanti la stazione dove va ridotto il traffico con un nuovo collegamento tra v.Cappuccina (rotatoria) e v. Piave, dietro i park e gli hotel, con piccole zone di sosta breve ai margini (per es. al posto del park a fianco delle Botti). Pensiline e portici per i pedoni tra stazione, taxi, fermate bus, hotel, aree verdi, park, fino agli inizi di via.Capuccina e Piave, pista ciclabile, verde, servizi, pubblici, esercizi.

2 Sicurezza per pedoni e ciclisti: auto a 30 Km/ora

Troppo spesso non danno la precedenza e corrono troppo veloci. 50 Km all’ora sono troppi nelle vie di quartiere ma anche nelle vie Piave, Cappuccina, Corso del Popolo, Bissuola, Cà Rossa e San Donà. E i passaggi ciclabili (segnati spesso a fianco di quelli pedonali) non sono neppure conosciuti.

3 Museo civico di Mestre nell’ex scuola De Amicis in via Pio X,

Da 40 anni si parla di dare una dignitosa collocazione ai molti reperti archeologici della Mestre paleo Veneta, Medioevale, i quadri come il Canaletto con la scalinata del Canal Salso in Piazza Barche o  Piazza Maggiore di Felisati e le foto del tram nel primo 1900; le fabbriche storiche di Mestre e quelle di P.Marghera, il Campo trincerato dei Forti che fanno corona a Forte Marghera.

E poi:

4 Riportare il Canal Salso in Piazza Barche, riscoprendo la scalinata

5 Un ponte ciclo-pedonale tra via Torino e Forte Marghera

6 Riaprire e potenziare l’Emeroteca di via Poerio, funzionava benissimo, ora è chiusa

7 Un parco (scuole e tanto altro) nel “buco nero” dell’ex Ospedale Umberto I

8 La rinascita di Parco Bissuola e del suo Centro Civico,

9 Anche Marghera può avere il suo Parco tra la stazione e la Cita

10 Non permettere alla Save di continuare a desertificare Tessera

11 Niente cemento, più alberi al Parco di San Giuliano

12 Liberare la Torre dalla scala-ghigliottina e Piazzale Sicilia dai ferri arrugginiti

13 Poter andare a Venezia (anche) in bici

14 Eliminare le barriere architettoniche, come alle poste di P.le Sicilia e in quasi tutti i binari della stazione

15 Dare voce alle/agli abitanti con sedi pubbliche e gratuite e nelle Municipalità.

16 Il Parco del Marzenego,con gli argini ciclopedonali tra piazzale Olimpia e Forte Gazzera

 

Insomma realizzare il sogno del compianto prosindaco di Mestre, Gaetano Zorzetto: Mestre bella.

 

   

MONTEPULCIANO INFO

 

La Compagnia Popolare svela l'Anteprima del Bruscello Poliziano

Domenica 19 Maggio presso la sala ex-macelli di Montepulciano verrà presentato il Bruscello numero 80, la Pia de' Tolomei

Montepulciano – Ottant'anni di storia, passione e tradizione: la Compagnia Popolare del Bruscello festeggia un traguardo di notevole importanza, un risultato reso possibile grazie ai tanti bruscellanti che nel corso degli anni hanno mantenuto vivo il teatro popolare proveniente dalla civiltà contadina, adattato al mutato contesto sociale e culturale. Come ormai ampiamente annunciato, sarà la “Pia de' Tolomei” ad essere rappresentata in Piazza Grande a Montepulciano nei giorni di Ferragosto, appuntamento che si ripete ormai ogni dieci anni, per festeggiare il compleanno del Bruscello Poliziano.

Domenica 19 maggio verrà presentata l'edizione numero ottanta del Bruscello, attraverso uno speciale evento presso la sala ex-Macelli, a partire dalle ore 17:30, in cui verrà ripercorsa la storia della “Pia de' Tolomei”, alla base della prima rappresentazione che avvenne nel 1939 a Montepulciano. L'autore delle musiche Luciano Garosi, l'autrice del libretto Irene Tofanini, insieme ai bruscellanti, ricorderanno le vecchie e nuove arie della “Pia de' Tolomei”. Durante la serata sarà presentata l'immagine per il manifesto dell'edizione 2019 realizzata da Emanuela Rossi. L'evento si concluderà con un piccolo rinfresco, offerto dal ristorante pizzeria “C'era una Volta” e un brindisi di buon augurio agli ottanta anni del Bruscello Poliziano.

La Compagnia Popolare del Bruscello tramanda la tradizione del Bruscello attraverso la particolare forma di teatro popolare, con canto e recitazione, attraverso la messa in scena di decine di figuranti nello splendido palcoscenico del sagrato del Duomo di Montepulciano, che avviene nei giorni di Ferragosto. Il Bruscello Poliziano è patrocinato dal Comune di Montepulciano, dalla Provincia di Siena e dalla Regione Toscana, in virtù della sua storia e della sua forte valenza culturale.

 

Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano

Via delle Lettere 4, 53045 Montepulciano (SI)

Tel. 0578758529

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.bruscello.it

 

Ufficio Stampa: Valdichiana Media

 

   

TREQUANDA INFO

 

Si chiudono le celebrazioni per la Beata Bonizzella

Il weekend di maltempo non ha fermato i festeggiamenti in onore di Bonizzella Cacciaconti, che hanno animato la comunità di Trequanda

 

Trequanda – Nonostante il maltempo che ha imperversato negli ultimi giorni nel territorio, con delle rigide temperature inusuali per il periodo primaverile, la comunità di Trequanda ha salutato con affetto le celebrazioni per la Beata Bonizzella, una delle figure storiche più amate dai cittadini. La settimana di festeggiamenti, un evento ormai tradizionale da molti secoli, ha infatti interessato gli abitanti del comune e numerosi fedeli accorsi a Trequanda dai paesi circostanti, con una serie di iniziative per ricordare la figura di Bonizzella Cacciaconti. Ai festeggiamenti si è accompagna la visita pastorale del Vescovo Stefano Manetti della Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza, che assieme al Sindaco Roberto Machetti ha aperto nel pomeriggio di sabato 11 maggio l'urna contenente le spoglie della Beata Bonizzella, situata dietro l'altare della Chiesa dei Santi Pietro e Andrea.

Proprio la caratteristica chiesa situata ai margini della piazza centrale di Trequanda è protagonista della storia di Bonizzella Cacciaconti, risalente al 6 maggio 1500: in tale occasione, dalla finestra del Palazzo Comunale, due consiglieri si accorsero che uno sciame di api entravano e uscivano da una fessura laterale della chiesa. Rimosse le pietre, venne ritrovato il corpo perfettamente conservato della Beata Bonizzella, che emanava un forte odore di incenso. Da quel momento l’urna è diventata il simbolo della fede locale, con numerosi fedeli che accorrono nei giorni delle celebrazioni a Trequanda per rendere omaggio alla Beata.

Come da tradizione, dopo la messa di lunedì 13 maggio alla presenza della autorità civili e religiose, nella serata dello stesso giorno l'urna è stata richiusa, attraverso le due apposite chiavi, e il corpo della Beata Bonizzella è tornato ad attendere dietro l'altare le celebrazioni del prossimo anno.

“Anche quest'anno la comunità ha reagito con grande partecipazione alle celebrazioni in onore di Bonizzella Cacciaconti. dichiara il Sindaco di Trequanda, Roberto Machetti La riuscita della manifestazione dimostra il forte spirito di coesione della nostra comunità, capace di preservare e tramandare una tradizione così antica. I ringraziamenti vanno al parroco Don Sergio Graziani e a tutto il Comitato della Festa della Beata Bonizzella, che si sta già mettendo al lavoro per la festa del prossimo anno.”

 

Comune di Trequanda

Piazza Giuseppe Garibaldi, 8, 53020 Trequanda SI

TEL. 0578-269590

PEC Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

www.comune.trequanda.si.it

 

Ufficio Stampa: Valdichiana Media

Tel. +39 348.9143500 (Alessio)

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.valdichianamedia.com
 
 

Ufficio Stampa
Valdichiana Media srl 
Piazza Nazioni Unite, 10 - 53049 Torrita di Siena (SI)

 

 

   

UNIONE DEI COMUNI VALDICHIANA SENESE INFO

UNIONE DEI COMUNI VALDICHIANA SENESE

COMUNICATO STAMPA

Informazioni, pratiche, procedure a disposizione senza dover andare a Siena
Con l’Ufficio di prossimità la Giustizia torna vicina alla Valdichiana Senese
I dieci Comuni dell’Unione aderiscono al nuovo servizio

Sarà istituito a Montepulciano e sarà a disposizione dei dieci Comuni dell’Unione Valdichiana Senese un “Ufficio di prossimità” ovvero il servizio creato dal Ministero della Giustizia per garantire la diffusione su tutto il territorio nazionale di nuovi punti di contatto e di accesso al sistema-giustizia, specialmente nelle aree interessate dalla revisione delle circoscrizioni giudiziarie che ha comportato, proprio come a Montepulciano, la chiusura di Tribunali.

Il Ministero ha individuato in tre Regioni (Piemonte, Liguria e Toscana) gli enti territoriali-pilota nei quali effettuare la sperimentazione per individuare i modelli di funzionamento da diffondere poi su tutto il territorio nazionale. L’obiettivo è rendere gli adempimenti giudiziari più comodi per i cittadini e più rapida l’azione della Magistratura.

In risposta ad un avviso pubblico della Regione Toscana, il Comune di Montepulciano (come hanno fatto, in provincia di Siena, anche quelli di Abbadia San Salvatore e di Poggibonsi) ha comunicato la propria disponibilità ed è stato ammesso al progetto, finanziato con i fondi europei “Pon Governance e capacità istituzionale”. Recentemente la Giunta dell’Unione dei Comuni Valdichiana Senese ha aderito all’iniziativa di Montepulciano e l’ha fatta propria, in vista dell’avvio della fase sperimentale per l’apertura dello sportello.

L’Ufficio di prossimità si troverà nel Palazzo Comunale, in Piazza Grande, sarà aperto due volte alla settimana, sarà dotato di personale messo a disposizione dall’Ente (opportunamente formato) e di adeguati collegamenti informatici.

Con l’Ufficio di prossimità la giustizia si avvicina ai cittadini. Presso lo sportello potranno essere chiesti documenti e svolte pratiche senza dover necessariamente raggiungere il Tribunale più vicino, nel caso della Valdichiana Senese quello di Siena.

In particolare l’ufficio darà informazioni, assistenza e gestione di pratiche di volontaria giurisdizione, quindi anche a persone meno abbienti o appartenenti alle fasce più deboli che necessitino di amministratori di sostegno o debbano comunque affrontare procedimenti dove le parti stanno in giudizio senza l’ausilio di un legale.

Il territorio della Valdichiana Senese potrà dunque tornare ad utilizzare alcuni servizi della giustizia senza dover fare necessariamente capo al Tribunale di Siena. Da un lato il progetto migliora la qualità della vita dei cittadini, dall’altra rende del sistema-Giustizia nazionale un’immagine nuova, più vicina alle comunità locali.

Le riforme dell’ordinamento giudiziario hanno progressivamente determinato la soppressione e la contrazione di uffici giudiziari, lasciando intere aree geografiche prive di riferimenti di prossimità per i cittadini, soprattutto più deboli, spesso impossibilitati ad avvalersi della consulenza e mediazione di un legale.

L’Ufficio di prossimità rappresenta, dunque, la positiva sintesi tra l’esigenza di favorire più moderne forme di accesso alla giustizia, di razionalizzazione di tempi e costi di funzionamento, e l’opportunità di promuovere sul territorio l’integrazione con gli altri servizi sociali e socio-sanitari.

La Regione Toscana sta programmando giornate formative per il personale dei Comuni che sarà assegnato agli Uffici di Prossimità e, successivamente, con la sottoscrizione di un accordo operativo sperimentale di durata biennale fra il Comune, la Regione, la Corte di Appello di Firenze, il Tribunale di Siena e l’Ordine degli Avvocati di Siena, si potrà avviare il servizio.

14 maggio 2019

   

COMUNE DI PORTOGRUARO INIZIATIVE

 

COMUNICATO STAMPA

(con gentile preghiera di pubblicazione)

Evento musicale

Carlo Colombo 5et Swing Party live Show

18 maggio 2019 ore 21:00

Piazza della Repubblica, Portogruaro (VE)

Il Comune di Portogruaro in collaborazione con Luisa Trevisi – Idee che danno spettacolo organizza concerto con il “Carlo Colombo Quintet" e la partecipazione di Dj Daniela Belfatto (DaniElla)

Durante la serata si esibiranno i ballerini dei gruppi: The Great Coconut Club, Trieste Swing e Udine Swing Zoo

Il gruppo è formato da Carlo Colombo piano, voce; Stefano Gajon clarinetto, glockenspiel, cori; Renato Peppoloni batteria, cori; Mattia Magatelli contrabbasso, cori; Dario Zennaro chitarra, cori.

Il progetto Carlo Colombo Quintet propone canzoni originali e cover in chiave jazz-swing dove Carlo Colombo, pianista e cantante, racconta storie di vita quotidiana accompagnato da stimati musicisti jazz a livello nazionale.

Questo tipo di spettacolo crea un’atmosfera d’altri tempi. La sonorità proposta è acustica, raffinata ed accattivante,

Si spazia dal suono classico swing anni '40-50 fino a sonorità anni '30.

Questa operazione vuole essere una scoperta o per alcuni una riscoperta delle sensazioni legate ad un genere immortale come lo swing.

Il repertorio è pensato per il ballo di coppia swing e lindyhop, nell'ultimo disco è presente la prima versione italiana autorizzata dall'editore originale di "Tain't what you do" (sigla universalmente riconosciuta dei ballerini di lindyhop).

Oltre al repertorio originale, si affiancano celebri cover in italiano ed inglese.

Grande spazio è dato alla musica ed ai musicisti che dialogando tra loro con i loro strumenti diventano veri protagonisti in questo spettacolo e non soltanto dei semplici accompagnatori, assicurando uno spettacolo godibilissimo anche dai non ballerini.

Il Progetto Carlo Colombo nelle sue varie formazioni ha suonato in diversi festival e rassegne jazz tra cui: Arezzo Jazz, Veneto jazz, Jazz & Wine a Gorizia, SanGiezz Festival a Termoli, e numerosi Jazz Club tra cui il "Chet Baker" a Bologna, Il "Vapore" a Marghera(Ve), "Jazz Club 900" a Venezia, "Osteria del jazz" e "Jumpin'Jazz Ballroom" a Milano.

Inoltre ha suonato nel Festival Treviso Street - Food & Jazz nelle edizioni 2016, 2017, 2018; MusicaViva a Cison di Valmarino nel 2017; Suoni Di Marca Treviso nel 2013 e 2018, Swing on the Beach - The italian "Swing Craze" Festival a Pescara nel 2018, Bassano sotto le stelle nel 2018, evento legato ai festeggiamenti di capodanno in un’isola privata delle Maldive nel 2019.

La parola all'artista:

"Lo swing è un genere musicale che trasversalmente riesce a colpire dai bambini agli anziani perché è una musica energica, acustica, non ha bisogno di amplificazione, di aiuti, di elettronica, per cui le vibrazioni che ne scaturiscono sono sempre delle vibrazioni positive.

Da bambino volevo fare il disegnatore, mi piaceva, sono passato alla musica perché con quest'ultima riuscivo ad avere una tridimensionalità e un’astrazione che con il disegno non riuscivo ad esprimere.

Il pianoforte è bello perché è uno strumento completo. Tu praticamente hai sotto le mani tutta l'orchestra. Il pianoforte è importante, è un po' considerato il re degli strumenti per questo motivo...perché tu puoi imitare l'orchestra

La necessità di creare non è cambiata nel tempo, la molla è sempre la stessa, trovare dei lati umani o quantomeno romantici da raccontare a cose, persone o situazioni che gli altri non considerano.

Per le influenze musicali devo ringraziare soprattutto i miei due fratelli maggiori, ascoltavano gran bella musica: Rolling Stones, Bowie, Talking Heads, Cure, e tantissimi altri, poi ho capito che per comprendere bene la musica moderna bisognava andare alle origini, musica classica, blues e jazz, e lì ho ascoltato di tutto.

Da mio padre ho ereditato le canzoni anni 40-50 fino a Carosone e Buscaglione, da parte di mia madre il concerto per pianoforte e orchestra di Tcaikovsky ed il film Disney “Fantasia”

Documentario di presentazione di Carlo Colombo: https://vimeo.com/311409326

Sito internet: www.carlocolombo.net

CURRICULUM ARTISTI:

CARLO COLOMBO

Musicista autore e pianista trevigiano, classe 1970, si avvicina al pianoforte all'età di quattordici anni iniziando lo studio della musica classica.

Verso la fine degli anni 80 inizia con delle formazioni rock come tastierista e fonda nel 1989 l'H.S.H. band, formazione di rock sperimentale con la quale vince il primo premio al festival del video indipendente di Monza, sez. Videoclip, con il brano "Televideo".

Per un anno è stato pianista del duo di cabaret "Caffè Sconcerto" che lo ha portato in giro per l’Italia in svariati spettacoli.  Parallelamente al rock sperimentale e al cabaret, Colombo continua lo studio del pianoforte e si avvicina al jazz grazie ad una borsa di studio vinta nel 1992 che lo porta ad una full-immersion di quattro mesi studiando con musicisti jazz di livello mondiale quali Harold Danko, Mark Egan, Vic Juris, Maurizio Caldura, Ares Tavolazzi, Bruno Cesselli ed altri.

Alla fine dei 90 inizia la carriera di autore, pubblica cinque cd e vince nel 2003 la "Gondola d’argento" a Venezia con il brano "L’intellettuale ad agosto".

Oggi oltre al progetto swing italiano d’autore, collabora come pianista e compositore in diverse formazioni che spaziano dallo swing alla musica elettronica, pop ed altro.

Dal 2013 al 2015 è direttore ed arrangiatore della "Portobuffolè Swing Orchestra".

Con il marchio "Officine Golob" produce nel suo studio colonne sonore e sonorizzazioni.

Il suo catalogo musiche è presente in numerosi portali di sonorizzazioni: Pond5, Getty Images Music, Crucialmusic, Intervox, ecc.

Nel 2015 entra nel team compositori della "Pong Ping", libreria finlandese di musiche interattive per videogiochi.

Nello stesso anno compone le musiche e sound design per il gioco per visore oculus Vrasteroid prodotto dalla Spinvector Spa, per la stessa azienda cura il sound design per l'installazione "Torre San Mauro" a San Mauro Forte-MT.

Dal 2016 entra a far parte del team sviluppo videogiochi"Bat Meeting" come creativo, compositore e sound designer.

Nel 2018 due canzoni tratte dall'album "Vai" sono inserite nella colonna sonora di due film americani: "Pizza siciliana" nel film "The Honor list" di Elissa Down e "Din don dan" nel film "Book club" di Bill Holderman con Diane Keaton e Jane Fonda.

MATTIA MAGATELLI

Contrabbassista, bassista elettrico e compositore, ha studiato dal 2001 al 2003 ai Civici Corsi di Jazz con sede a Milano per poi proseguire gli studi come autodidatta.

Vanta numerose collaborazioni nazionali e internazionali, soprattutto nell'ambito del jazz, e si è esibito in tutta Europa, Stati Uniti e Asia.

Ha inciso più di 50 dischi con artisti del calibro di Franco Cerri, Guido Manusardi, Gianni Cazzola e Ivan Segreto.

Ha vinto una borsa di studio per lo Jasi nel 2007, che frequenta nel 2008 a Riga.

Vince ancora il primo premio al concorso Bergamo jazz di Treviglio con Dienno e Rebulla, il secondo premio al festival Getxo in Spagna con Vitale e Windfield e vince con il Kaja Draksler Acropolis Quintet il 12 Points Plus Program a Dublino.

Tra gli altri ha suonato con Billy Cobham, Alex Sipiagin, Fabrizio Bosso, Fabio Morgera, Massimo Manzi, Pietyro Tonolo…solo per citarne alcuni.

RENATO PEPPOLONI

Batterista e percussionista di Perugia frequenta il conservatorio F. Morlacchi tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80 dove studia con il M° Vincenzo Restuccia.

Apprezzato didatta insegna batteria e musica d’insieme in diverse scuole dell’Umbria (“Scienza come Arte” di Perugia, Scuola comunale di Gubbio, come titolare della cattedra di batteria, ed altre).

Batterista raffinato e meditativo, conosciuto per il tocco delicato e al tempo stesso carico di swing, vanta collaborazioni in Big Band dirette da Giancarlo Gazzani, Ramberto Ciammarughi, Mario Raja (Perugia Big Band, Arkestra Jazz Big Band, Big Band di Padova).

Numerose presenze in Festivals italiani e stranieri con diversi musicisti (Gabriele Mirabassi, Fabio Zeppetella, Sandro Satta, Lello Pareti, Stefano Cantini, Stefano Travaglini, Maurizio Giammarco, Cerri, Enrico Intra, Renato Sellani, Pietro Condorelli, John Mosca, Umberto Fiorentino, Rita Marcotulli, Ermanno Signorelli, Pietro Tonolo, Marcello Tonolo, Michele Polga, Leo Brower)

STEFANO GAJON

Nasce a Venezia nel 1976.Studia al Conservatorio "B. Marcello" di Venezia sotto la guida del M. Giovanni Bacchi diplomandosi in "Clarinetto" con il massimo dei voti nel 1995. Successivamente si diploma in "Jazz" (2003) studiando con artisti quali Pietro Tonolo, Marco Micheli, Corrado Guarino, Enrico Fazio. Frequenta tre masterclasses tenuti dal M. Fabio Di Casola, e si perfeziona sotto la guida del M. Corrado Orlando.

Interessato a numerosi e differenti linguaggi musicali, intraprende vari percorsi nell'ambito della musica jazz, balcanica, popolare, classica, contemporanea colta e del teatro di prosa. Nel suo cammino musicale ha la fortuna di incontrare e collaborare con artisti quali: Heinz Holliger, Antonio Pappano, Bruno Canino, Carlo Boccadoro, Mariangela Melato, Caterina Caselli, Franco Fasano, Vince Tempera, Fabrizio Berlincioni, Pietro Tonolo, Marco Micheli, Corrado Guarino, Saverio Tasca, Daniele Labelli, Ivan Tibolla, Carlo Colombo, Pino Bifano, Tiziano Chiappelli, David Boato, Cheryl Porter, Marco Carlesso, Massimo Tagliata.

Nel 2000 fonda assieme a Dario Zennaro alle chitarre, Andrea Zennaro alla tuba e Davide Michieletto alla batteria il quartetto Quartoinfolio, un ensemble-laboratorio nel quale convergono diverse idee musicali unite dal linguaggio jazzistico alla base. Nel 2006 esce il primo cd, "QIF" prodotto da Caligola Records.

DARIO ZENNARO

Chitarrista classico, jazz e di musica moderna, compositore e arrangiatore. Ha studiato al Conservatorio “B.Marcello” di Venezia diplomandosi col massimo dei voti sotto la guida del M°Tommaso De Nardis, ed ha conseguito il diploma di Jazz studiando con importanti musicisti italiani quali Pietro Tonolo, Marco Micheli, Corrado Guarino. Nel 2007 ha partecipato ai seminari internazionali di “Siena Jazz” studiando con Tommaso Lama (chitarra jazz) e Bruno Tommaso (musica d’insieme). Nel 2011 ha suonato nel gruppo diretto dal pianista jazz Stefano Battaglia nell’ambito dei corsi invernali di Siena Jazz.

Come solista ha vinto numerosi premi in concorsi nazionali ed internazionali piazzandosi più volte al primo posto. Con il DVT trio è arrivato in finale al concorso nazionale per nuovi talenti del jazz italiano “Chicco Bettinardi 2010”, con Gianluca Chiarini sextet è arrivato in finale al concorso “Barga Jazz Contest”.

Tra i diversi cd ai quali ha partecipato si ricordano: “Quartoinfolio” (2006 Caligola Records) “No signal” con il Daniele Vianello Trio (2011 Caligola Records) “Jazz seven”, con musiche originali del sassofonista Gianluca Chiarini “Samburinha” e “Freve da Samba” con il gruppo di musica brasiliana “Freve da Samba” “Circus” come leader e compositore del Dario Zennaro Trio (2012 Videoradio).

Sono attualmente in produzione un disco di chitarra classica e flauto “Danse Joiose” ed il secondo disco del quartetto di Daniele Vianello. Si è esibito in diverse formazioni nell’ambito di rassegne jazzistiche nazionali come “Ubi Jazz”, “Terramossa”, “Veneto Jazz”, “Festival Jazz di Volterra”, “Jazz e dintorni” di Feltre. Ha suonato in tourneè con Tony Pagliuca e David Jackson. Per il “Festival Jazz di Cison di Valmarino” ha aperto il concerto del celebre chitarrista Sylvain Luc. Nell’estate del 2009 è partito per una tournée con “l’Orchestra Italiana Napoletana” suonando nei più importanti teatri (tra cui il Tokio Opera City Hall) del Giappone.

Luisa Trevisi347/8217393
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

https://www.facebook.com/luisatrevisipagina/

http://www.luisatrevisi.com/

 

   

ANDREA ZANONI INFO

 

Comunicato stampa
 

Zanoni (PD): “All’Aeroglass di Ospedaletto di Istrana emissioni di sostanze cancerogene oltre i valori di legge. La Regione si faccia parte attiva per tutelare salute di cittadini e lavoratori e ambiente”

Venezia, 10 maggio 2019

“L’Arpav ha certificato che all’Aeroglass Filtri ci sono emissioni di formaldeide, sostanza considerata cancerogena, superiori ai limiti di legge. Cosa intende fare la Giunta Zaia per tutelare la salute di lavoratori e cittadini nonché l’ambiente?”. La domanda è di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, che ha presentato un’interrogazione indirizzata all’assessore regionale alla Sanità Lazzarin e all’assessore all’Ambiente Bottacin, in seguito ai monitoraggi effettuati dall’Agenzia regionale per la protezione ambientale, su richiesta della Provincia di Treviso, presso la ditta di Ospedaletto di Istrana che produce filtri per l’aria in fibre di vetro.

“Stando alle rilevazioni - sottolinea ancora Zanoni - i valori supererebbero di ben 15 volte i parametri massimi fissati dalla legge, 303mg/Nm3 contro 20mg/Nm3. Ho chiesto i documenti ufficiali ad Arpav e sentito le rappresentanze sindacali della Femca Cisl in merito all’allarme lanciato da quest’ultima. Un allarme che ritengo più che giustificato, specialmente per i lavoratori dell’impianto di essiccazione dove sono state registrate le concentrazioni massime delle sostanze cancerogene. Nella relazione di Arpav, inoltre, viene evidenziata una violazione della legge in materia di tutela dell’aria e riduzione delle emissioni in atmosfera; Non possiamo accontentarci delle rassicurazioni generiche da parte dell’azienda che parla di anomalia, pur avendo commissionato ulteriori accertamenti. Servono ulteriori analisi sulla qualità dell’aria e visite mediche per monitorare la salute dei 50 dipendenti a carico dell’Aeroglass. Anche la Regione - il sollecito finale del vicepresidente della commissione Ambiente - faccia la propria parte e dica come intende agire per tutelare la salute dei lavoratori, dei residenti  e dell’ambiente”.

 

   

STRADA DEL VINO NOBILE INFO

 

Le Strade dei Vini e dei Sapori della Toscana del sud si presentano a Napoli

 

Un evento con buyers internazionali per conoscere i prodotti tipici della Toscana del sud si è tenuto venerdì 10 maggio all'Hotel Royal Continental di Napoli.

 

Napoli Un'intera giornata dedicata alla presentazione delle eccellenze e dei prodotti tipici delle destinazioni turistiche della Toscana del sud, si è tenuta venerdì 10 maggio a Napoli attraverso l'operato congiunto delle tre Strade del Vino e dei Sapori dei territori di competenza. L'incontro si è svolto presso l'Hotel Royal Continental, grazie all'operato congiunto della Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese, la Strada del Vino Orcia e la Strada dei Vini Cortona, con la partecipazione di un gruppo selezionato di aziende locali.

L'iniziativa ha permesso l'incontro tra le aziende della Toscana del sud con un pubblico di buyers turistici, giornalisti, blogger e associazioni di categoria del settore Food & Beverage. Le aziende hanno quindi potuto presentare i rispettivi prodotti tipici, stringere accordi commerciali con i buyers interessati alle destinazioni turistiche toscane e far degustare le proprie eccellenze al pubblico. Inoltre è stata svolta una presentazione generale dei territori delle tre Strade del Vino e dei Sapori attraverso video, immagini e distribuzione di materiale informativo e promozionale.

“L'iniziativa fa parte dei progetti di promozione turistica ed enogastronomica dei nostri territori – spiega Doriano Bui, presidente della Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese – In qualità di soggetto organizzatore intendiamo ringraziare tutte le aziende che hanno partecipato e che ci hanno permesso di illustrare le principali caratteristiche della Toscana del sud, le cui Strade del Vino e dei Sapori sono costantemente al lavoro per potenziare l'offerta e porsi sul mercato come destinazioni turistiche di livello internazionale.”

 

L'evento è stato possibile grazie al contributo della Regione Toscana per PRAF Misura A.2.5 “Promozione e sostegno della valorizzazione dei prodotti enogastronomici del territorio toscano attraverso la creazione e la gestione di percorsi turistici del vino, dell’olio e dei sapori”, gestito dalla Federazione delle Strade del Vino di Toscana.

 

 

Ufficio Stampa: Valdichiana Media

Tel. +39 349 8358841 (Valentina)

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.valdichianamedia.com

 

 
 
 

Ufficio Stampa
Valdichiana Media srl 
Piazza Nazioni Unite, 10 - 53049 Torrita di Siena (SI)

 

 

   

SARTEANO, SINALUNGA E MONTICCHIELLO

 

MUOVIL’ARTE.2

Parkour tra luoghi e sentieri per riconoscere l’identità locale - EDIZIONE2

 

WORKSHOP GRATUITO DI PARKOUR A

SARTEANO, SINALUNGA E MONTICCHIELLO

 

Per il secondo anno consecutivo torna in Valdichiana Muovil’Arte, progetto della Nuova Accademia degli Arrischianti, ente capofila, vincitore del bando SIENAindivenire della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

Muovil’Arte unisce la disciplina del Performance Parkour e la valorizzazione dei luoghi più importanti dei borghi di Sarteano, Sinalunga e Monticchiello.

Inteso come urban freeflow, il performance parkour viene utilizzato come metodo comunicativo per trasmettere l’importanza di vedere il luogo in cui si vive con occhi nuovi, di affrontare ogni sfida nel rispetto di se stessi e dell’ambiente che ci circonda, di vedere un ostacolo come un’opportunità. Ecco come riscoprire i LUOGHI IDENTITARI di Sarteano, Sinalunga e Monticchiello, in una chiave nuova, come motore di aggregazione e riscoperta del territorio. Il progetto MUOVIL’ARTE, grazie agli insegnanti di The Urban Playground Team, vuole quindi portare “in piazza” questa disciplina tramite un workshop negli spazi aperti dei borghi toscani.

 

Ecco le date dei workshop della 2° edizione di Muovil’Arte:

 

1° settimana // dal 03 al 08 giugno workshop a Sarteano

2° settimana // dal 10 al 14 giugno workshop a Sinalunga

3° settimana // dal 17 al 21 giugno workshop a Monticchiello

 

Al termine delle tre settimane di workshop, domenica 23 giugno, verrà realizzata la performance finale dei workshop di parkour a Sarteano, in piazza XXIV Giugno; sarà un evento conclusivo che vedrà in azione tutti i partecipanti del progetto in acrobazie e salti.

Sempre durante l’evento finale, ci sarà lo spettacolo “Zoo Humans” che la compagnia inglese The Urban Playground Team sta portando in giro per l’Europa.

A conclusione dell’evento, in notturna, ci sarà una proiezione videomapping sulla facciata del Teatro Comunale degli Arrischianti realizzata da Simone Pucci sul performance parkour.

 

 

Il progetto MUOVIL’ARTE è realizzato in collaborazione con il Comune di Sarteano, il Comune di Sinalunga - Associazione Nuova Bottega delle Arti, il Teatro Povero di Monticchiello, il Circolo Legambiente Terra e Pace - Riserva di Pietraporciana e con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

 

Seguite le pagine Facebook e Instagram per tutte le informazioni, le iscrizioni e i dettagli.

 

La partecipazione è COMPLETAMENTE GRATUITA e con POSTI LIMITATI!

 

Iscrizioni aperte dal 5 al 26 maggio 2019

 

Info e iscrizioni: +39 393 5225730 dalle ore 16 alle ore 19 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
 
 
 
 

Ufficio Stampa
Valdichiana Media srl 
Piazza Nazioni Unite, 10 - 53049 Torrita di Siena (SI)

 

 

   

ANDREA ZANONI INFO

 

Maltrattamento animali e randagismo, venerdì 10 a Treviso  incontro con il consigliere regionale Zanoni sulla nuova legge
 

Venezia, 8 maggio 2019

La nuova legge regionale contro il randagismo e il maltrattamento di animali sarà al centro dell’incontro di venerdì prossimo, 10 maggio, a Treviso a cui parteciperà il consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni, primo firmatario del Pdl 348 sulla tutela degli animali d’affezione, sottoscritto dall’intero gruppo e poi unificato con il Pdl 160 presentato dalla Lega Nord in un unico testo e licenziato il 4 aprile scorso dalla Quinta commissione, che lo ha trasmesso alla Prima commissione e alla Conferenza permanente Regione-Autonomie Locali.

“Un testo assolutamente necessario in quanto i casi di maltrattamento e abbandoni, in particolare di gatti, sono in forte aumento ma che deve essere modificato poiché, per esempio, elimina il divieto di detenere i cani alla catena - afferma Zanoni – Inoltre l’attuale legge, essendo vecchia di 26 anni, non prevede quelle tutele che le norme nazionali e comunitarie hanno introdotto nel tempo. Nel corso della serata illustreremo le novità positive e innovative e le criticità che vanno cambiate della nuova normativa che nelle prossime settimane, presumibilmente dopo le elezioni europee, sarà all’esame del Consiglio regionale”. L’appuntamento, organizzato da Iams-Impegno e Azione per un Mondo Sostenibile è per le ore 20.45, a Treviso presso Binario 1 in Piazzale Duca D'Aosta, 7/B (sotto il cavalcavia a lato della stazione dei treni – vicino alla rampa delle scale). Insieme al consigliere regionale Andrea Zanoni ci saranno Andrea Zamengo (coordinatore regionale guardie eco-zoofile Oipa), il presidente dell’Enpa (Ente nazionale protezione animali) di Treviso Adriano De Stefano, Daniela Musocco della Lav (Lega antivivisezione) Area Animali Familiari, Tamara Scaggiante delegata Dingo Venezia per i rapporti istituzionali e Giovanni Tonelotto responsabile del rifugio San Francesco di Piazzola sul Brenta e coordinatore regionale Lega nazionale per la difesa del cane.

 

   

Pagina 1 di 32

CONDIVIDI / SOCIAL NETWORK

Video in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy.